(troppo vecchio per rispondere)
Come si calcola la potenza?
Vyger
2004-04-06 09:41:02 UTC
Ciao a tutti i motoristi, ecco la classica domanda da 100 milioni di
dollari: mi potreste spiegare in base a quali parametri si calcola la
potenza di un motore alternativo?
Saluti.
ing1977
2004-04-06 13:42:01 UTC
Post by Vyger
Ciao a tutti i motoristi, ecco la classica domanda da 100 milioni di
dollari: mi potreste spiegare in base a quali parametri si calcola la
potenza di un motore alternativo?
Saluti.
Punto 1 la potenza può essere misurata all'albero, cioè direttamente sul
motore, oppure alla ruota con valori ottenuti decisamente più bassi. Tenete
conto che per ogni coppia di ingranaggi in presa si ha un rendimento che nel
migliore dei casi è del 99%, quindi cambio, coppia conica, differenziale o
catena vedere volar via un 10% di potenza è la norma. In una moto una catena
da corsa rispetto a una catena di serie ti rende un 3% (e dura 1/3).

Punto 2 La potenza viene calcolata applicando al motore (o all'intero
veicolo) un freno che dissipa la potenza espressa. Di questo freno si sa
esattamente quanto dissipa. Si mette il motore a tutta manetta e per ogni
regime si vede quale è la massima coppia applicabile senza che questi tenda
a rallentare. Quindi potenza= Forza X velocità oppure Potenza = Coppia X
Velocità di rotazione.

Punto 3 Qui iniziano i casini. Le condizioni della prova sono normate punto
a punto. Ma i risultati ottenuti possono essere profondamente diversi perchè
le norme differiscono fra loro. Ad esempio una volta i motori inglesi
sembravano più potenti degli altri europei perchè testati in accordo alle
norma SAE di manica più larga delle DIN normalmente usate. E le differenze
possono essere notevoli: tipo ausiliari collegati o meno, silenziatori
collegati o meno, temperature dei liquidi, temperatura dell'aria, umidità
relativa, carburante e ancora oltre. Per fare un esempio il motore del CBR
600 RR con il liquido di raffreddamento a 80° ha 4 CV in più rispetto a
quando si ha l'acqua a 95°.

Volendo si può continuare in eterno. Farebbe piacere però pagare il bollo
per la potenza effettivamente fruibile non per quella all'albero. Saluti

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Vyger
2004-04-06 12:56:49 UTC
Grazie Ing,tutto chiaro, ma dimmi ancora una cosa: lo so che è una domanda
complicata ma spesso leggo sigle tipo PME o PMI quali parametri per il
calcolo della potenza (teorica?) Potresti spiegarmi quali formule
matematiche serve conoscere?
Ciao.
Gianluca
2004-04-06 15:00:05 UTC
Post by Vyger
Ciao a tutti i motoristi, ecco la classica domanda da 100 milioni di
dollari: mi potreste spiegare in base a quali parametri si calcola la
potenza di un motore alternativo?
Saluti.
Motori 4 tempi:

Ni : potenza indicata
Ne : potenza effettiva
Pmi : pressione media indicata
Pme : pressione media effettiva
V : cilindrata totale
rm : rendimento meccanico
n : giri al minuto

Ni [cv] = Pmi[kg/cm2] * V[dm3] * n[giri/min] / 900

Ne [cv] = Pme[kg/cm2] * V[dm3] * n[giri/min] / 900

Ne [cv] = rm * Ni [cv]

Fonte:
Il Motore
Domenico Lucchesi
ing1977
2004-04-06 15:22:04 UTC
Uff un pò pesantina la risposta da dare..
Mettiamola così:
Quando un pistone scende durante la fase di espansione compie un lavoro,
fornisce cioè una energia
L=Vc (volume di camera)x r (densità aria atmosferica asp) x K (tonalità
termica combustibile) L=Vc x r x K tutto questo moltiplicato per una
valangata di rendimenti per passare dal caso ideale a quello reale.
Questa energia comunque divisa per l'unità di tempo fornisce la potenza. Ora
si usa indicare con pme (pressione media effettiva) il lavoro per unità di
cilindrata pme=L/Vc (6-10bar) questo parametro ti può dire quando è
prestazionale un motore in base alla cilindrata. pmi (pressione media
indicata) è invece un parametro che non tiene conto dei rendimenti meccanici
ma solo di quelli termodinamici (la parte alta del motore). Vale pme=pmi x
n0(rendimento meccanico circa 80%)
Si può dire che pmi è un parametro usato per definire la gestione e il
controllo del motore (sempre più campo di elettronici e fluidodinamici) pme
definisce in soldoni l'uscita, cioè cosa abbiamo realmente in mano al netto
delle perdite.
Se ti va tieni d'occhio un altro parametro: cm la velocità media del
pistone. Quello è il parametro meccanico per eccellenza (oltre i 18m/sec sei
un fenomeno). Fa le prestazione ma disfa anche i motori.
Vale infatti P=pme x A x cm /t dove A area di testa e t numero di corse per
ciclo (4 per un 4 tenpi 2 per un 2 tempi)
La parte alta di un motore, quella che fa i cavalli, è di competenza di
elettronici e fluidodinamici, la parte bassa, quella che deve tener botta,
dei meccanici. Mettili daccordo e fai un bel motore

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Vyger
2004-04-06 15:45:27 UTC
Post by ing1977
Uff un pò pesantina la risposta da dare..
Lo avevo detto che era una domanda da 100 milioni di dollari...
Comunque grazie Ing, sei stato chiaro ed esauriente.
Ciao!!!
Vyger
2004-04-06 15:46:00 UTC
Grazie per l' interessamento.
Ciao!
Gianluca
2004-04-06 17:22:53 UTC
Post by ing1977
Uff un pò pesantina la risposta da dare..
Bel post. Thanks.